ASCOLI-EMPOLI 3-1

Ascoli aspetta la 100^ vittoria in serie A e la squadra non delude. Novanta minuti di lotta, sudore e cuore hanno prodotto un buon risultato, ma veniamo alla partita sugli spalti.

La curva si presenta maestosa come al solito e piena come un uovo, ben coordinata dagli AP ULTRAS, presenti come al solito tutti gli altri gruppi. Da Empoli un centinaio di fedellisimi dietro gli striscioni DESPERADOS e RANGERS, oltre ad un numero considerevole di bandiere e bandieroni, anche a sfondo politico, subito appese in balaustra.

Parte bene la SUD con cori di incitamento costanti per quasi tutto il primo tempo. L'obiettivo quello di guidare la squadra ad un'importante vittoria e anche i cori chiedono costantemente la vittoria. Quest'oggi non ci sono problemi di fonica e quant'altro e l'effetto si vede bene. In balaustra un gigantesco striscione con significato interpretabile, ma intuibile:"CHI SBAGLIA PAGA!" con la firma degli ASCOLI PICENO ULTRAS e un ricordo per Francesco da parte degli ARDITI.

Ascoli ben presto in vantaggio e picchi di voce veramente alti. Alla mezz'ora del secondo tempo uno striscione cartaceo del SETTEMBRE viene alzato a centro curva: "BENIGNI NON ASPETTARE I SALDI, CACCIA I SOLDI" e gli animi si surriscaldano un pochino, la curva perde d'effetto e infatti arriva il pareggio dell' Empoli.

Finisce il primo tempo, ma non ci perdiamo d'animo, il secondo tempo parte in sordina ma un crescendo inarrestabile che porta l'Ascoli fino al doppio vantaggio. Un pizzico di attenzione sempre rivolto ai blu e alle nuove normative sugli stadi e cos compare un gran bello striscione a centro curva: "DIFFIDATO: DALLO STATO DISCRIMINATO, DA NOI SEMPRE RISPETTATO, ULTRAS LIBERI" con un fragoroso applauso della curva. Nonostante il doppio vantaggio, tanti cori per i diffidati e contro le forze dell'ordine spezzano quelli per l'Ascoli che a volte riescono a trascinare l'intero stadio. Prestazione canora che ci riporta a qualche anno fa. Anche dal punto di vista coreografico ci facciamo notare: la sciarpata sul 3-1 trasforma il settore in un tappeto Bianconero. Gli Empolesi sventolano a lungo le bandiere, ma non riusciamo mai a sentirli!

Con questi 3 punti la salvezza pi vicina, ma anche questo pubblico, capace di sostenere il Picchio e trasformare il Del Duca in una bolgia ostica a tutti. Concludiamo anche noi come ha voluto concludere la sud oggi:
"AL DEL DUCA NON SI PASSA"